lunedì 11 dicembre 2017

GLI HOUTHI YEMENITI HANNO TRASFORMATO I MISSILI ARIA-ARIA SOVIETICI IN MISSILI TERRA-ARIA PER COMBATTERE GLI AEREI DA GUERRA DELLA COALIZIONE SAUDITA

southfront.org/
Sa Defenza 

Il colonnello Turki al-Maliki, portavoce della coalizione guidata dai sauditi, ha rivelato durante una conferenza stampa come gli Houthi sono riusciti a trasformare i missili aria-aria R-27T e R-73E in missili terra-aria.



Gli Houthi probabilmente hanno preso i missili R-27T e R-73E dalle basi aeree dell'Air Force Yemenita, che catturarono durante il 2015. La Yemeni Air Force era solita utilizzare questo tipo di missili aria-aria e altri tipi come l'R-27R sui suoi Mig-29SMT.

L'R-73E ha un'autonomia di 30 km, mentre l'R-27T ha un'autonomia fino a 70 km. Probabilmente gli Houthi hanno scelto questi missili perché entrambi i tipi sono guidati dall'homing a infrarossi e hanno la funzione "fire and forget". Altri tipi di missili aria-aria come l'R-27R di fabbricazione sovietica sono guidati da un radar semi-attivo di homing, che li rende più difficili da trasformare in missili terra-aria, perché questo tipo di sistema di guida richiede il supporto di un radar di guida separato che rileva l'obiettivo del missile.





Al fine di lanciare R-27T e R-73E da terra, gli Houthi hanno installato i missili e le loro piattaforme di lancio sui camion. I puntatori di missili sono stati forniti di un generatore di elettricità separato perché le batterie sui missili durano solo pochi minuti.




Tuttavia, gli Houthi non hanno potenziato il razzo dei missili per aumentare la loro portata. I missili aria-aria perdono almeno metà della loro portata quando vengono lanciati da terra perché originariamente progettati per essere lanciati da aerei da guerra in alta quota.

Durante l'operazione NATO del 1999 in Serbia, l'esercito serbo modificò i missili aria-aria R-60 e R-73 per lanciarli da terra contro aerei della NATO. Tuttavia, a differenza degli Houthi, i Serbi hanno risolto il problema della portata aggiungendo altri razzi ai missili, che hanno agito come primo stadio e hanno dato ai missili una portata più lunga anche se sono stati lanciati da un veicolo blindato statico.




Mentre l'esercito serbo non ha mai abbattuto alcun aereo da guerra NATO con i suoi missili aria-aria modificati, gli Houthi probabilmente ci sono riusciti, il 10 ottobre, ad abbattendo un aereo da combattimento senza equipaggio United Sates MQ-9 Reaper (UCAV) sulla capitale yemenita di Saana usando il loro missili aria-aria modificati.




Questi missili aria-aria modificati furono probabilmente utilizzati per colpire un aereo da combattimento F-16 dell'Aeronautica militare degli Emirati Arabi Uniti sulla capitale yemenita di Sana'a l'8 giugno e un F-15 della Royal Saudi Air Force il 21 maggio. Tuttavia , entrambi gli aerei da guerra non sono stati abbattuti.





La coalizione guidata dai sauditi ha accusato l'Iran di aiutare gli Houthi a modificare questi missili aria-aria. Tuttavia, gli esperti ritengono che tale modifica possa essere apportata da qualsiasi ingegnere militare ben addestrato che abbia già lavorato con questi tipi di missili.

domenica 10 dicembre 2017

Il difetto fatale del neoliberismo: è un modello economico scadente 

Dani Rodrik 
bostonreview.net/
vocidallestero


Ronald Reagan e Margaret Thatcher nel 1984 alla White House


Il difetto fondamentale del neoliberalismo – o neoliberismo, come siamo abituati a chiamarlo in Italia – non è che è cinico, egoista, arido e privo di ideali. È proprio che tradisce l’economia, nella convinzione ideologica di possedere l’unica ricetta buona per lo sviluppo, da applicare uguale dappertutto. Con numerosi esempi il celebre economista Dani Rodrik dimostra sul Guardian che questa è una distorsione delle corrette idee economiche mainstream e che dove è stata applicata ha portato ad autentici disastri. Mentre un ricorso ai princìpi dell’economia di mercato graduale, temperato e adeguato alle esigenze dei singoli paesi è alla base dei grandi sviluppi economici dell’ultimo secolo.

Il problema dei neoliberisti non è tanto che sono cattivi, insomma: è più che non capiscono l’economia.


di Dani Rodrik, 14 novembre 2017

Il neoliberismo e le sue ricette usuali – sempre più mercato, sempre meno Stato – di fatto sono una distorsione della scienza economica tradizionale.


Come anche i suoi critici più severi ammettono, il neoliberismo è difficile da definire. In termini generali, denota una preferenza per i mercati rispetto allo Stato, per gli incentivi economici rispetto alle regole culturali e per l’imprenditoria privata rispetto all’azione collettiva. È stato usato per descrivere una vasta gamma di fenomeni – da Augusto Pinochet a Margaret Thatcher e Ronald Reagan, dai Democratici di Clinton e del New Labour nel Regno Unito all’apertura dell’economia in Cina alla riforma dello stato sociale in Svezia.



Il termine è usato come una sorta di passepartout per indicare tutto ciò che sa di deregolamentazione, liberalizzazione, privatizzazione o austerità di bilancio pubblico. Oggi è regolarmente vituperato come epitome delle idee e pratiche che hanno prodotto insicurezza economica e disuguaglianza crescenti, hanno portato alla perdita dei nostri valori e ideali politici, e addirittura hanno fatto precipitare la reazione populista.



Viviamo nell’epoca del neoliberismo, a quanto pare. Ma chi sono i seguaci e i divulgatori del neoliberismo – i neoliberali stessi? Stranamente, per trovare qualcuno che sposi esplicitamente il neoliberismo bisogna tornare parecchio indietro nel tempo. Nel 1982, Charles Peters, l’editore storico della rivista politica Washington Monthly, pubblicò un saggio intitolato A Neo-Liberal’s Manifesto. Trentacinque anni dopo è una lettura interessante, dal momento che il neoliberismo che descrive ha ben poco in comune con l’oggetto della odierna esecrazione. I politici che Peters nomina come esemplificatori del movimento non sono del tipo Thatcher o Reagan, ma piuttosto liberal – nel senso americano del termine – che, disillusi dai sindacati e dal grande governo, hanno abbandonato i loro pregiudizi contro i mercati e le forze armate.



L’uso del termine “neoliberale” è esploso negli anni 90, strettamente associato a due fenomeni, nessuno dei quali era stato menzionato nell’articolo di Peters. Il primo è la deregolamentazione finanziaria, che sarebbe culminata nel crollo finanziario del 2008 e nell’ancora in atto crisi dell’euro. Il secondo è la globalizzazione economica, che ha subìto una forte accelerazione a causa della libertà di circolazione dei flussi di capitali e a un nuovo e più ambizioso tipo di trattati commerciali. La finanziarizzazione e la globalizzazione sono diventate le manifestazioni più evidenti del neoliberismo nel mondo di oggi.



Il fatto che il neoliberismo sia un concetto scivoloso e mutevole, privo di una esplicita lobby di difensori, non significa però che sia irrilevante o irreale. Chi può negare che dagli anni 80 in poi il mondo abbia sperimentato uno spostamento decisivo verso i mercati? O che i leader politici di centrosinistra – i Democratici negli Stati Uniti, i socialisti e i socialdemocratici in Europa – abbiano sposato con entusiasmo alcuni dei dogmi fondamentali del thatcherismo e del reaganismo, come la deregolamentazione, la privatizzazione, la liberalizzazione finanziaria e l’impresa individuale? Gran parte della nostra discussione politica contemporanea è imbevuta di principi che si possono considerare fondati sul concetto di homo economicus, l’essere umano perfettamente razionale, presente in molte teorie economiche, che persegue sempre il proprio interesse personale.



Ma l’indeterminatezza del termine neoliberismo significa anche che le critiche che gli sono rivolte spesso non centrano il bersaglio. Non c’è niente che non va nei mercati, nell’imprenditoria privata o negli incentivi – quando sono dispiegati nel modo giusto. Il loro uso creativo è alla base dei risultati economici più significativi del nostro tempo. Disprezzando il neoliberismo, rischiamo di buttare via anche alcune delle sue idee utili.



Il vero problema è che l’economia mainstream sconfina troppo facilmente nell’ideologia, limitando le scelte che abbiamo di fronte e proponendo soluzioni fatte con lo stampino. Una corretta comprensione del pensiero economico che si cela dietro al neoliberismo ci permettere di identificarne – e di respingerne – l’ideologia, quando si traveste da scienza economica. Soprattutto, ci aiuta a sviluppare l’immaginazione nel creare nuove istituzioni, qualcosa di cui abbiamo disperatamente bisogno per ridisegnare il capitalismo per il XXI secolo.



Il neoliberismo, tipicamente, è considerato fondato sui princìpi chiave della scienza economica tradizionale. Per identificare questi princìpi al di là dell’ideologia, proviamo a fare un esperimento mentale. Immaginiamo che un noto e stimato economista approdi in un paese che non ha mai visitato e di cui non sa nulla. Qui ne incontra i principali responsabili politici. “Il nostro paese è nei guai”, gli dicono. “L’economia è stagnante, gli investimenti sono bassi e non c’è in vista alcuna crescita.” Si rivolgono a lui, pieni di aspettative: “Per favore, ci dica cosa dovremmo fare per far crescere la nostra economia”.



L’economista fa appello alla sua ignoranza e spiega che sa troppo poco del paese per formulare raccomandazioni. Dovrebbe studiare la storia dell’economia, analizzare le statistiche e viaggiare in tutto il paese prima di poter dire qualcosa.



Tony Blair e Bill Clinton: politici di centro-sinistra che hanno adottato con entusiasmo alcuni dei dogmi fondamentali del thatcherismo e del reaganismo. Fotografia: Reuters



Ma i suoi ospiti insistono. “Capiamo le sue reticenze e avremmo tanto desiderato che lei avesse avuto il tempo per farlo”, gli dicono. “Ma l’economia non è una scienza, e lei non è uno dei suoi più illustri cultori? Anche se non sa molto della nostra economia, sicuramente ci sono teorie e prescrizioni generali che può condividere con noi, per guidare le nostre politiche economiche e le nostre riforme. ”



L’economista a questo punto è alle strette. Non vuole emulare i guru economici che ha sempre criticato perché vanno in giro a propalare le loro teorie. Ma si sente sfidato dalla domanda. Ci sono verità universali in economia? Per lui è possibile dire loro qualcosa di valido e utile?



E così inizia a parlare. L’efficienza con cui sono allocate le risorse di un’economia è un fattore determinante per i risultati di quella economia, afferma. L’efficienza, a sua volta, richiede che gli incentivi alle famiglie e alle imprese tengano conto dei relativi costi e benefici sociali. Gli incentivi per gli imprenditori, investitori e produttori sono particolarmente importanti quando si parla di crescita economica. La crescita, poi, ha bisogno di un sistema che tuteli i diritti di proprietà e il rispetto dei contratti, in modo da garantire a chi investe il rendimento dei suoi investimenti. Inoltre l’economia deve essere aperta alle idee e alle innovazioni che provengono dal resto del mondo.



Ma l’economia di un paese può deragliare a causa dell’instabilità macroeconomica, prosegue. Per questo i governi devono perseguire una sana politica monetaria, il che significa porre come limite alla crescita della liquidità l’aumento della domanda nominale di moneta a un tasso di inflazione ragionevole. Devono garantire la sostenibilità dei bilanci pubblici, facendo in modo che l’aumento del debito pubblico non superi il reddito nazionale. E devono provvedere a una regolamentazione prudenziale delle banche e delle altre istituzioni finanziarie, per evitare che il sistema finanziario diventi eccessivamente rischioso.



Ora l’economista sta iniziando a scaldarsi. L’economia non riguarda solo l’efficienza e la crescita, aggiunge. I princìpi economici si riflettono anche sull’equità e sulla politica sociale. L’economia ha poco da dire sulla quantità di redistribuzione della ricchezza cui dovrebbe aspirare una società. Ma ci dice che la base imponibile per la tassazione dovrebbe essere la più ampia possibile e che i programmi di aiuto sociale dovrebbero essere concepiti in modo da non incoraggiare i lavoratori ad abbandonare il mercato del lavoro.



Quando l’economista smette di parlare, sembrerebbe che abbia delineato un programma neoliberista a tutti gli effetti. Un critico tra il pubblico avrebbe sentito tutte le parole chiave: efficienza, incentivi, diritto alla proprietà, politica monetaria solida, prudenza fiscale. E invece non è così. I principi universali descritti dall’economista sono in realtà piuttosto aperti. Presuppongono un’economia capitalista, in cui le decisioni di investimento sono prese da privati ​​e imprese, ma non vanno molto oltre. Consentono – anzi, richiedono – una sorprendente varietà di sistemi istituzionali.



Quindi l’economista ha appena snocciolato un pistolotto neoliberista? Saremmo in errore a pensarlo, e il nostro errore consisterebbe nell’associare ogni termine astratto – incentivi, diritti di proprietà, moneta solida – a una precisa corrispondenza nel campo delle istituzioni. E qui sta la presunzione centrale, e il difetto fatale, del neoliberismo: la convinzione che i princìpi economici davvero solidi e corretti coincidano con un unico insieme di politiche, approssimativamente quelle del tipo Thatcher/ Reagan.



Prendiamo per esempio i diritti di proprietà. Hanno importanza fino a quando garantiscono il ritorno degli investimenti. Un sistema ottimale garantirebbe i diritti di proprietà a coloro che fanno il miglior uso di un bene e li difenderebbe contro quelli che hanno maggiore probabilità di espropriarne i rendimenti. I diritti di proprietà sono utili quando proteggono gli innovatori dai free riders, ma sono dannosi quando li proteggono dalla concorrenza. A seconda del contesto, un regime legale che fornisce gli incentivi appropriati può essere molto diverso dal regime standard di diritti di proprietà privata degli Stati Uniti.



Potrebbe sembrare una questione puramente semantica, poco importante nella pratica; e invece il fenomenale successo economico della Cina è in gran parte dovuto al suo architettare istituzioni che sfidavano l’ortodossia. La Cina si è aperta ai mercati, ma non ha copiato le pratiche occidentali sui diritti di proprietà. Le sue riforme hanno prodotto incentivi basati sul mercato attraverso una serie di forme istituzionali originali, che erano più adatte al contesto locale. Invece di passare direttamente dallo Stato alla proprietà privata, ad esempio, che sarebbe stata ostacolata dalla debolezza delle strutture giuridiche prevalenti in Cina, il paese ha fatto affidamento su forme miste di proprietà, che in pratica hanno garantito diritti di proprietà più efficaci per gli imprenditori. I Township and Village Enterprises (TVE), che hanno guidato la crescita economica cinese durante gli anni 80, erano collettivi posseduti e controllati dai governi locali. Anche se le TVE erano di proprietà pubblica, gli imprenditori ricevevano la necessaria protezione contro l’esproprio. I governi locali avevano un interesse diretto nei profitti delle imprese, e quindi non avrebbero certo ucciso la loro gallina dalle uova d’oro.



La Cina ha fatto affidamento su una serie di innovazioni di questo tipo, ognuna delle quali ha applicato i principi economici più consolidati in contesti istituzionali originali. Con un altro esempio, ha protetto il suo ampio settore statale dalla competizione globale istituendo zone economiche speciali in cui le imprese straniere potevano operare con regole diverse rispetto al resto del paese. Tenendo conto di questo stacco dai classici modelli ortodossi, definire le riforme economiche della Cina come neoliberali – come i critici tendono a fare – distorce più di quanto spieghi. Se vogliamo definire anche questo neoliberismo, dobbiamo sicuramente guardare con occhio più benevolo alle idee che stanno alla base della più marcata riduzione della povertà della storia.



Qualcuno potrebbe controbattere che le innovazioni istituzionali cinesi sono un fenomeno prettamente transitorio. Forse, per sostenere il suo progresso economico, la Cina dovrà convergere su istituzioni di stile occidentale. Ma questa linea di pensiero, peraltro molto comune, trascura la ancora prevalente diversità delle caratteristiche delle economie avanzate, nel mondo capitalistico, nonostante la notevole uniformità del nostro contesto politico.



Dopo tutto, infatti, quali sono le caratteristiche tipiche del mondo occidentale? La dimensione del settore pubblico nei paesi dell’Ocse varia da un terzo dell’economia in Corea a quasi il 60% in Finlandia. In Islanda l’86% dei lavoratori è membro di un sindacato; il numero corrispondente in Svizzera è solo del 16%. Negli Stati Uniti, le aziende possono licenziare i lavoratori quasi a piacimento; mentre le leggi sul lavoro francesi, storicamente, richiedono ai datori di lavoro di doversi sottoporre prima a una trafila di passaggi. I mercati azionari sono cresciuti fino al valore totale di quasi una volta e mezzo il PIL negli Stati Uniti; in Germania sono grandi solo un terzo, soltanto il 50% del PIL.


La Cina si è aperta ai mercati, ma non ha copiato le pratiche occidentali. Fotografia: AFP / Getty



L’idea che ognuno di questi modelli di tassazione, rapporti di lavoro o organizzazione finanziaria sia intrinsecamente superiore agli altri è smentita dalle diverse vicissitudini economiche che ognuna di queste economie ha vissuto negli ultimi decenni. Gli Stati Uniti hanno attraversato periodi successivi di angoscia, in cui le sue istituzioni economiche sono state giudicate inferiori a quelle di Germania, Giappone, Cina e ora forse ancora della Germania. Certo, livelli comparabili di ricchezza e produttività possono essere raggiunti sotto modelli di capitalismo molto diversi. Potremmo anche fare un passo in più: i modelli prevalenti di oggi probabilmente non arrivano neanche lontanamente a esaurire la gamma di ciò che potrebbe essere possibile e auspicabile per il futuro.



L’economista in visita, nel nostro esperimento mentale, sa tutto questo e riconosce che i princìpi che ha enunciato devono essere concretizzati con i dettagli sulle istituzioni per diventare operativi. Diritti di proprietà? Sì, ma come? Moneta solida? Certo, ma come? Forse sarebbe più facile criticare la sua lista di princìpi perché è vacua, piuttosto che denunciarla come un pistolotto neoliberista.



Tuttavia, questi principi non sono completamente privi di contenuto. La Cina, e in realtà tutti i paesi che sono riusciti a svilupparsi rapidamente, dimostrano l’utilità di questi principi, una volta adattati al contesto locale. Al contrario, troppe economie sono state spinte alla rovina, grazie ai leader politici che hanno scelto di violarle. Ci basta prendere in considerazione i governi populisti latinoamericani o i regimi comunisti dell’Europa orientale per apprezzare il significato pratico di moneta stabile, sostenibilità fiscale e incentivi privati.



Naturalmente l’economia va ben oltre un elenco di princìpi di buon senso, in gran parte astratti. Una grande parte del lavoro degli economisti consiste nello sviluppo di modelli stilizzati su come funzionano le economie, da confrontare poi con le prove. Gli economisti tendono a pensare a ciò che fanno come a un progressivo affinamento della loro comprensione del mondo: i loro modelli dovrebbero migliorare sempre di più, quindi, visto che sono testati e modificati nel tempo. Ma i progressi in economia avvengono in modo diverso.



Gli economisti studiano la realtà sociale, che è diversa dall’universo fisico. È completamente creata dall’uomo, estremamente malleabile e funziona secondo regole diverse nel tempo e nello spazio. L’economia va avanti non stabilendo il giusto modello o la giusta teoria per rispondere a queste domande, ma migliorando la nostra comprensione della diversità delle relazioni causali. Il neoliberismo e i suoi rimedi abituali – sempre più mercato, sempre meno Stato – sono in realtà una perversione dell’economia mainstream. I bravi economisti sanno che la risposta corretta a qualsiasi domanda in economia è: dipende.



Un aumento del salario minimo fa calare l’occupazione? Sì, se il mercato del lavoro è veramente competitivo e i datori di lavoro non hanno alcun controllo sul salario che devono pagare per attirare i lavoratori; ma non necessariamente, se la situazione è diversa. La liberalizzazione degli scambi favorisce la crescita economica? Sì, se aumenta la redditività delle industrie in cui si svolge il grosso degli investimenti e dell’innovazione; ma in caso contrario, no. Una maggior spesa pubblica aumenta l’occupazione? Sì, quando l’economia è fiacca e i salari non aumentano; ma in altre situazioni, no. Il monopolio nuoce all’innovazione? Sì e no, dipende da un nugolo di circostanze di mercato.






Oggi [il neoliberismo] è regolarmente vituperato come epitome delle idee e pratiche che hanno prodotto insicurezza economica e disuguaglianza crescenti, hanno portato alla perdita dei nostri valori e ideali politici, e addirittura hanno fatto precipitare la reazione populista… Trump firma un decreto per strappare gli Stati Uniti dal TPP. Fotografia: AFP / Getty



In economia, nuovi modelli raramente soppiantano i modelli precedenti. Il modello base dei mercati competitivi risalente ad Adam Smith è stato modificato nel tempo dall’inclusione, in ordine storico approssimativo, dei concetti di monopolio, esternalità, economie di scala, informazioni incomplete e asimmetriche, comportamenti irrazionali e molte altre caratteristiche del mondo reale. Ma i modelli più vecchi rimangono più utili che mai. Capire come funzionano i mercati reali richiede però un’analisi diversa a seconda dei momenti.



Forse l’analogia migliore è offerta dalle carte geografiche. Proprio come i modelli economici, le carte sono rappresentazioni altamente stilizzate della realtà. Sono utili proprio perché sono prive dei molti dettagli del mondo reale, che potrebbero intralciarne l’uso. Ma l’astrazione implica anche che abbiamo bisogno di una mappa diversa, a seconda della natura del nostro viaggio. Se viaggiamo in bicicletta, avremo bisogno di una mappa delle piste ciclabili. Se dobbiamo andare a piedi, avremo bisogno di una mappa dei sentieri. Se viene costruita una nuova metropolitana, avremo bisogno di una cartina della metropolitana – ma non per questo elimineremo le altre mappe.



Gli economisti tendono a essere molto bravi a fare mappe, ma non abbastanza bravi a scegliere quella più adatta al bisogno. Di fronte alle questioni politiche del tipo affrontato dal nostro economista in visita, troppi economisti ricorrono a modelli “benchmark”, che favoriscono l’ approccio laissez-faire. Reazioni automatiche e arroganza sostituiscono la ricchezza e l’umiltà della discussione nei seminari. John Maynard Keynes una volta ha definito l’economia come la “scienza del pensiero in termini di modelli, unita all’arte di scegliere i modelli adatti”. Gli economisti hanno spesso problemi con la parte di “arte”.



Anche questo può essere illustrato con una parabola. Un giornalista chiama un professore di economia per domandargli il suo parere sul libero scambio: ritiene che sia una buona idea? Il professore risponde entusiasticamente di sì. Il giornalista quindi, fingendo di essere uno studente, partecipa a un seminario per specialisti del professore sul commercio internazionale. E pone la stessa domanda: il libero scambio è positivo? Questa volta il professore si ferma. “Che cosa intende con ‘positivo’?”, risponde. “E positivo per chi?” Il professore si lancia poi in una lunga spiegazione, che alla fine culminerà in una dichiarazione molto circostanziata: “Quindi, se tutta la lunga lista di condizioni che ho appena descritto sono soddisfatte, e ipotizzando anche che possiamo tassare i beneficiari per compensare i perdenti, un commercio più libero ha il potenziale di aumentare il benessere di tutti”. Se in quel momento è di umore espansivo, il professore potrebbe aggiungere che gli effetti del libero commercio sul tasso di crescita di un’economia a lungo termine non sono comunque assodati, e che dipendono da tutta un’altra serie di condizioni diverse.



Questo professore è piuttosto diverso da quello che il giornalista ha incontrato in precedenza. Quando si rivolge alla stampa, trasuda la massima fiducia, non certo reticenza, sulla strategia appropriata. Esiste un solo ed unico modello, almeno per quanto riguarda l’opinione pubblica, e c’è un’unica risposta corretta, indipendentemente dal contesto. Stranamente, il professore ritiene che la conoscenza che impartisce ai suoi studenti specializzati sia inappropriata (o pericolosa) per il pubblico generale. Perché?



Le radici di un simile comportamento affondano in profondità nella cultura della professione economica. Ma un motivo importante è lo zelo nel voler ostentare i gioielli della corona della professione – l’efficienza del mercato, la mano invisibile, il vantaggio comparato – nella loro forma immacolata, e nel volerli proteggere dall’attacco dei barbari egoisti, vale a dire i protezionisti. Sfortunatamente, questi economisti di solito ignorano i barbari schierati dall’altra parte della barricata: finanzieri e multinazionali, le cui motivazioni non sono più nobili e che sono anche troppo pronti a dirottare queste idee verso il proprio vantaggio.



Di conseguenza, il contributo degli economisti al dibattito pubblico è spesso distorto in una direzione, a favore di più commercio, più finanza e meno Stato. Ecco perché gli economisti si sono guadagnati la reputazione di tifosi del neoliberismo, anche se l’economia mainstream è tutt’altro che un peana continuo del laissez-faire. Ma gli economisti che non pongono freni al loro entusiasmo per il libero mercato in realtà non sono fedeli alla propria disciplina.



Ma allora, in che termini dovremmo pensare alla globalizzazione, per liberarla dalla morsa delle pratiche neoliberiste? Dobbiamo iniziare dal capire il potenziale positivo di un mercato globale. L’accesso ai mercati mondiali di beni, tecnologie e capitali ha svolto un ruolo importante in quasi tutti i miracoli economici del nostro tempo. La Cina ci ha fornito il promemoria più recente e convincente di questa verità storica, ma non è l’unico caso. Prima della Cina, miracoli simili sono stati compiuti dalla Corea del Sud, da Taiwan, dal Giappone e da paesi non asiatici come le Mauritius. Tutti paesi che hanno abbracciato la globalizzazione, piuttosto che voltarle le spalle, e ne hanno beneficiato ottimamente.



I difensori dell’ordine economico esistente fanno immediatamente riferimento a questi esempi, quando la globalizzazione viene messa in discussione. Quello che non dicono, però, è che quasi tutti questi paesi hanno sì aderito all’economia mondiale, ma trasgredendo le costrizioni di stampo neoliberista. La Corea del Sud e Taiwan, ad esempio, hanno sovvenzionato abbondantemente i loro esportatori, nel primo caso attraverso il sistema finanziario, nel secondo attraverso incentivi fiscali. Tutti alla fine hanno rimosso la maggior parte delle loro restrizioni alle importazioni, ma solo molto tempo dopo che la crescita economica era decollata.



Nessuno, con la sola eccezione del Cile negli anni 80 sotto la dittatura di Pinochet, ha seguito la raccomandazione neoliberista di una rapida apertura alle importazioni. L’esperimento neoliberista del Cile alla fine ha prodotto la peggiore crisi economica di tutta l’America Latina. Sebbene i dettagli differiscano da un paese all’altro, in tutti i casi i governi hanno svolto un ruolo attivo nella ristrutturazione dell’economia e nel fungere da ammortizzatori contro un ambiente esterno instabile. Le politiche industriali, le restrizioni sui movimenti di capitale e i controlli valutari – tutte misure proibite nel sussidiario neoliberista – erano largamente presenti ovunque.






Proteste contro il Nafta a Città del Messico nel 2008: dopo le riforme della metà degli anni 90, l’economia del paese ha avuto risultati inferiori alle attese. Fotografia: EPA



Al contrario, i paesi che hanno aderito più rigidamente al modello neoliberista della globalizzazione sono stati dolorosamente delusi. Il Messico ce ne dà un esempio particolarmente triste. Dopo una serie di crisi macroeconomiche a metà degli anni 90, il Messico ha abbracciato l’ortodossia macroeconomica, ha liberalizzato ampiamente la sua economia, ha sbloccato il sistema finanziario, ridotto drasticamente le restrizioni sulle importazioni e firmato l’accordo nordamericano di libero scambio (Nafta). Queste strategie hanno portato alla stabilità macroeconomica e a un aumento significativo del commercio estero e degli investimenti interni. Ma dove conta – cioè nella produttività generale e nella crescita economica – l’esperimento è fallito. Da quando ha intrapreso le riforme, la produttività complessiva in Messico è ristagnata e l’economia ha avuto un risultato inferiore alle attese persino per gli standard poco esigenti dell’America Latina.



Questi risultati non sono una sorpresa, se ci si mette nell’ottica di una economia sana. Sono un’ulteriore evidenza della necessità che le politiche economiche siano fatte in modo da prevenire i fallimenti a cui il mercato è incline e adattate alle circostanze specifiche di ciascun paese. Non esiste un singolo progetto che si adatta a tutti.



Come dimostra il manifesto di Peters’s del 1982, il significato del termine “neoliberismo” è cambiato considerevolmente nel tempo, e questa etichetta ha acquisito connotazioni più rigide per quanto riguarda la deregolamentazione, la finanziarizzazione e la globalizzazione. Ma c’è un filo che collega tutte le versioni del neoliberismo, ed è l’enfasi sulla crescita economica. Nel 1982 Peters scrisse che l’enfasi era giustificata dal fatto che la crescita è essenziale per tutti i nostri fini sociali e politici: comunità, democrazia, prosperità. L’imprenditorialità, gli investimenti privati ​​e la rimozione degli ostacoli che vi si frappongono (come una regolamentazione eccessiva) sono stati tutti strumenti per raggiungere la crescita economica. Se un simile manifesto neoliberale fosse scritto oggi, senza dubbio sosterrebbe lo stesso argomento.



I critici sottolineano spesso che porre tutta questa enfasi sull’economia indebolisce e sacrifica altri valori importanti, come l’uguaglianza, l’inclusione sociale, la decisione attraverso sistemi democratici e la giustizia. Questi obiettivi politici e sociali ovviamente contano enormemente e in alcuni contesti sono i più importanti. E non possono sempre, e neanche spesso, essere raggiunti attraverso strategie economiche tecnocratiche; la politica deve svolgere un ruolo centrale.



Tuttavia, i neoliberali non sbagliano nel sostenere che è più probabile raggiungere i nostri ideali più preziosi quando la nostra economia è fiorente, forte e in crescita. Sbagliano nel credere che esista una ricetta unica e universale per migliorare le prestazioni economiche: la loro. Il difetto fatale del neoliberismo è che non interpreta correttamente l’economia. Deve essere affrontato e sconfitto sul suo stesso terreno, per il semplice motivo che si tratta di cattiva economia.



Una versione di questo articolo è apparsa per la prima volta sul Boston Review

Illustrazione principale di Eleanor Shakespeare

venerdì 8 dicembre 2017

LA COALIZIONE GUIDATA DAI SAUDITI AVANZA VERSO DUE REGIONI STRATEGICHE DELLO YEMEN 


southfront.org/
Sa Defenza 



Il 7 dicembre, la coalizione guidata dai sauditi e le forze filo-Hadi sono avanzate nello Yemen occidentale e sono riuscite a tagliare l'autostrada tra la regione di Albuqa e la provincia di al-Jawf ad est, secondo la TV araba al-Arabiya.

La regione di Albuqa è una delle roccaforti degli Houthi vicino al confine Saudita e una parte della provincia di Saada, il cuore degli Houthi nello Yemen. L'avanzata della coalizione guidata dai sauditi vicino ad Albuqa renderà più difficile per gli Houthi condurre attacchi transfrontalieri contro l'esercito saudita.

In precedenza, la coalizione guidata dai sauditi e le forze filo-Hadi conquistarono la città di al-Khawkhah   a115 km a sud del porto strategico di al-Hudaydah sul Mar Rosso nello Yemen occidentale. Secondo la TV al-Arabiya, 20 combattenti Houthi sono stati uccisi, e altri 11 sono stati catturati durante gli scontri ad al-Khawkah.










Il porto di Al-Hudaydah è il più grande porto marittimo sotto la parte dello Yemen detenuta dagli Houthi. La coalizione guidata dai sauditi ha vietato a tutte le navi di entrare nel porto a novembre, dopo aver affermato che gli Houthi lo stavano usando per contrabbandare i missili dall'Iran.



La tv yemenita al-Masirah ha detto che gli aerei da guerra a guida saudita hanno condotto dozzine di attacchi aerei su Saada e al-Hudaydah a sostegno delle forze pro-Hadi.

Gli attacchi delle forze filo-Hadi nello Yemen occidentale e settentrionale sono un chiaro tentativo da parte della coalizione guidata dai sauditi di beneficiare della recente crisi tra gli Houthi e le forze fedeli all'ex presidente dello Yemen ucciso di recente - Ali Abdallah Saleh. Saleh è stato ucciso dagli Houthi nella città di Sanaa il 4 dicembre.



giovedì 7 dicembre 2017

NEGO IL MIO CONSENSO














Nego il mio consenso!

Noi esseri umani,
siamo divenuti consapevoli che a dirigere le sorti del nostro pianeta e della nostra specie vi sono esseri, entità, 
che:

esercitano il controllo della nostra mente con una molteplicità di mezzi, con i media, con l’induzione di frequenze, con l’intervento più o meno diretto nelle nostre esistenze e nel nostro codice genetico;

alterano la nostra percezione della realtà grazie alla sostituzione della nostra energia con l’artificio del denaro, con la creazione del debito, sia esso morale, religioso (peccato), psicologico (senso di colpa), spirituale (karma) o finanziario (signoraggio), con lo scopo di esercitare un potere parassitario sulle nostre energie vitali e creative.

intendono modificare, come hanno già fatto in passato, le condizioni geomorfologiche del pianeta, la nostra salute e il nostro diritto ad auto determinare le nostre esistenze tramite strumenti quali geoingegneria e guerre di sterminio.

Impediscono la nostra autodeterminazione controllando qualsiasi sistema di governo, sia sul pianeta che nella nostra evoluzione spirituale imponendo con la violenza e l’obbligo all’ignoranza l’adesione a patti, accordi, contratti di tipo religioso in sostituzione di quella che sarebbe la nostra naturale evoluzione spirituale.

Noi esseri umani, consapevoli del nostro essere una unica mente, un unico essere con tutto ciò che è,

neghiamo il nostro CONSENSO

affermiamo il diritto al nostro libero arbitrio e manifestiamo la nostra ferma e definitiva volontà nell’ordinare la cessazione di qualsiasi interferenza con qualunque nostra manifestazione energetica e vitale.

Così è.



http://sadefenza.blogspot.it/2017/12/nego-il-mio-consenso.html

#esseriumani #SaDefenza #negoilmioconsenso #gaia #madreterra#noalterazionepercezionerealtà #noigeoingegneria #notecnologia5G#nodebito #nogenocidio #novax

mercoledì 6 dicembre 2017

Autismo e Alzheimer: la risposta è nell'intestino

Thomasina Copenhaver



Quando l'autismo fu inizialmente identificato formalmente come una condizione speciale negli anni '30, fu generalmente considerato un problema di salute mentale. A quel tempo - non c'era campo che si collegasse alla psiconeuroimmunologia. Il cervello è stato preso in considerazione separatamente dal corpo. Non esiste un test medico per l'autismo. I criteri attuali per diagnosticare l'autismo sono basati esclusivamente sul comportamento e su sintomi apparenti evidenti. Ciò significa che se un individuo mostra determinati comportamenti predeterminati, gli viene fornita una diagnosi di autismo, ADD / ADHD, morbo di Alzheimer, ecc. Questi sono disturbi dello "spettro"; chiamato in causa dalla miriade di possibili sintomi e del loro grado di gravità. Ma cosa succede se il comportamento è causato da tossicità o carenza nell'intestino? La rimozione degli elementi tossici e l'aggiunta di nutrienti essenziali possono modificare il comportamento?

Qualche anno fa la dottoressa Natasha Campbell McBride ci ha dato la dieta GAPS. “Dr.sa Natasha Campbell-McBride ha adattato il suo protocollo per adattarsi alle esigenze sanitarie individuali dei pazienti affetti da una varietà di condizioni intestinali e neurologiche a causa di un ecosistema batterico squilibrato all'interno del tratto Gastrointestinale. La dieta GAPS si concentra sulla rimozione di alimenti che sono difficili da digerire e che danneggiano la flora intestinale e per sostituirli con cibi nutrienti e dare al rivestimento intestinale la possibilità di guarire e sigillarsi. " La Dr.sa McBride ci ha insegnato a smetterla di concentrarsi sul cervello e guarda alla fonte. La maggior parte delle persone (e in particolare i neurologi) hanno difficoltà a vedere la connessione tra l'intestino permeabile e le condizioni neurodegenerative. (Fonte di dieta GAPS elencata di seguito)

Che cosa causa nell'intestino la permeabilità? Qualsiasi attività che stimoli i pori della parete intestinale a rimanere aperti per troppo tempo, può portare ad una maggiore permeabilità. Se non produci abbastanza enzimi digestivi per abbattere il cibo dei nutrienti, questi frammenti potrebbero scivolare attraverso l'intestino e tornare in circolo nel flusso sanguigno.

Gli enzimi digestivi, in particolare le proteasi che abbattono le molecole proteiche sono fondamentali per la guarigione. Batteri e parassiti sono fatti di proteine, i virus hanno rivestimenti proteici (film) e i lieviti hanno gusci esterni costituiti da cellulosa e proteine. Se non riesci ad abbattere la barriera proteica, il tuo sistema immunitario non può scoprire la tossina, il virus o il cancro che si nasconde all'interno della cellula che non appartiene al tuo corpo e rimuoverlo. Cose come lo stress cronico, i farmaci, le tossine ambientali e i metalli pesanti causano l'infiammazione. L'infiammazione può derivare da cibo o infezioni di qualsiasi tipo insufficientemente suddiviso. Questo è il motivo per cui devi avere un adeguato acido gastrico e stare lontano dagli inibitori della pompa protonica. L'acido dello stomaco (HCL) uccide tutti i batteri cattivi. Ma devi averne abbastanza!

I batteri Gram negativi, che costituiscono una grande parte dei batteri che vivono nell'intestino, sono ricoperti da un rivestimento chimico chiamato lipopolisaccaride (LPS). Un livello elevato di lipopolisaccaridi trovato nel sangue indicherebbe che in qualche modo è uscito dall'intestino. Un livello elevato indica che l'infiammazione è presente. Secondo il Dr. David Perlmutter (il risveglio dall'Alzheimer ), la ricerca mostra che un aumento drammatico di LPS è correlato sia con l'Alzheimer che con l'autismo. "I dati sono molto chiari,la permeabilità dell'intestino aumenta l'infiammazione nel corpo e che l'infiammazione può manifestarsi nel cervello come declino cognitivo". Il dott. Perlmutter prosegue dicendo: "Da una prospettiva genetica, il 99% del DNA nel tuo corpo c'è il DNA microbico (100 miliardi di microbi vivono nell'intestino), non i 23000 geni che hai ricevuto da mamma e papà."

Se l'occhio non ha focalizzato su questa affermazione, rileggila.

Altre importanti molecole proteiche presenti nelle cellule di Paneth delle cripte intestinali sono chiamate "metallotioneine" (MT). Le cellule di Paneth producono l'enzima "lisozima" che uccide i microbi dannosi. Ma le cellule MT hanno diverse funzioni critiche all'interno dell'intestino. La mia ipotesi è che non ne avete mai sentito parlare. (Risorsa sotto)

Le proteine ​​MT agiscono come magneti di metalli pesanti che legano metalli pesanti. Queste proteine ​​specializzate sono responsabili della rimozione dei metalli nocivi in ​​modo che non entrino nel flusso sanguigno e provocare ogni tipo di scempio. Ricordate i vecchi termometri a mercurio? Il mercurio inalato può farti apparire comne "pazzo"; perché è quasi come se avesse perso la testa! (Vedi risorsa Dr. Axe). Poiché le cellule MT si trovano nel rivestimento dell'intestino, quando tale rivestimento è compromesso per qualsiasi motivo, questi spazzini di metalli verrebbero danneggiati, non presenti o comunque incapaci di svolgere la loro funzione. Le lesioni intestinali porterebbero quindi a una disintossicazione dei metalli pesanti mediocre o a una tossicità dei metalli. Molti vaccini contengono adiuvanti che danneggiano i nervi i metalli pesanti. Alcuni contengono polisorbato 80: "Il pericolo chiave di polisorbato 80 è che assiste alla fornitura di composti, tra cui mercurio e alluminio attraverso la barriera emato-encefalica (BBB). La barriera emato-encefalica è debole e facilmente superabile durante i primi due o tre anni di vita e spesso durante gli anni dell'anzianità. "(Risorsa di Weston Price di seguito)

Gli infanti e gli anziani, e ora le donne incinte, sono quelli che più spesso vengono incoraggiati a farsi vaccinare con gli antinfluenzali.

Le proteine ​​MT hanno un ruolo importante nel mantenimento dell'equilibrio critico tra rame e zinco. L'accumulo eccessivo di entrambi gli elementi può causare tossicità. La tossicità del rame è associata a molti problemi neurologici. Gli studi hanno scoperto che la maggior parte delle persone con autismo, ADHD e Alzheimer hanno livelli di rame eccessivamente elevati e sono eccessivamente carenti di zinco. Lo scarso assorbimento di zinco è stato collegato a una carenza di acido dello stomaco. Il rame e lo zinco hanno una relazione competitiva. Bassi livelli di zinco limitano la quantità di MT creata nel corpo. Questa mancanza di MT consente l'accumulo di metalli pesanti come il rame, che deprime ulteriormente i livelli di zinco. Dale Bredesen afferma: "È stato stimato che due miliardi di persone - più di un quarto della popolazione mondiale - sono carenti di zinco". Il nuovo libro del Dr. Bredesen, The End of Alzheimer's, è una risorsa molto preziosa sia per identificare la miriade di cause di problemi cognitivi e comportamentali, sia per come trattarli. Dà anche informazioni su dove e come testare cose come metalli pesanti, batteri, ecc. Per affrontare i problemi, devi prima sapere dove si trovano le tue tossicità e carenze. (La fine dell'Alzheimer, risorsa sotto)

Se nell'intestino esistono tossicità e carenze, e queste si manifestano come disturbi comportamentali e cognitivi, allora non sarebbe saggio aiutare l'intestino a guarire  prima di aggiungere farmaci tossici che sopprimono semplicemente i sintomi?

lunedì 4 dicembre 2017

L'Esercito e il Dipartimento di Giustizia sono in procinto di dichiarare la legge marziale, esposti i crimini dell'FBI 
Il governo militare americano, noto al mondo come amministrazione del presidente Donald Trump, sta per dichiarare la legge marziale, sostengono fonti del Pentagono. "La Cabala è sotto scacco, dato che Trump è pronto a federalizzare la Guardia Nazionale in caso di sommosse o disordini civili", affermano fonti del Pentagono, aggiungono che "i campi della FEMA saranno utilizzati per ospitare arresti di massa, e la base Gitmo potrebbe ospitare obiettivi di alto valore dove i tribunali militari  li manderanno velocemente ".

È necessaria un'azione radicale: "A causa dei giudici corrotti nominati dall'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama e un Congresso piazzato e complice di Israele, così che Trump potrebbe essere costretto a dichiarare la legge marziale per imporre la giustizia militare", è il modo in cui una fonte del Pentagono ha descritto la situazione. L'FBI, ad esempio, ha attivamente coperto il massacro di centinaia di americani a Las Vegas usando mercenari G4S, affermano diverse fonti.
Probabilmente Trump si riferiva a questa imminente epurazione con il tweet: 
"Dopo anni di Comey, con la falsa e disonesta investigazione di Clinton (e non solo) a dirigere l'FBI, la sua reputazione è a brandelli - il peggiore della storia! Ma non temete, la rifaremo grande come prima "

L'altra grande novità della scorsa settimana è che la base dell'Air Force a Dover è stata colpita o con un'arma nucleare o con l'equivalente. L'attacco è stato descritto come un terremoto di magnitudo 4,4 dai media mainstream delle corporate. Tuttavia, il "terremoto" aveva tutti i tratti distintivi di un attacco con armi nucleari o di raggio in quanto il suo epicentro era una base militare, e  poco profondo, e il sismografo mostra un enorme terremoto istantaneo, senza alcun tipo di accumulo di scosse viste dei terremoti naturali. Può essere appurato nel link sottostante. (vedi foto sotto)


http://www.delawareonline.com/story/news/local/2017/11/30/earthquake-strikes-kent-county-thursday/911208001/

Sebbene l'attacco abbia avuto luogo il giorno dopo che la Corea del Nord ha annunciato di avere ICBM che potrebbero colpire ovunque negli Stati Uniti, le fonti del Pentagono dicono che questo faceva parte della guerra civile non dichiarata all'interno del complesso militare-industriale. La base di Dover è il luogo in cui i militari statunitensi e altri cadaveri vengono "processati" ed è anche sede di trasporti aerei a lungo raggio. Da quando la CIA ha fatto entrare di nascosto l'eroina negli Stati Uniti con le bare durante la guerra del Vietnam, è una buona ipotesi che questa base sia stata eliminata perché era un importante punto di trasbordo per l'eroina afghana.

Ci sono state anche prove evidenti la scorsa settimana di  guerra spaziale con orbita terrestre bassa, come quelle che le fonti del Pentagono descrivono come "satelliti canaglia" e "fuori orbita."  Questo potrebbe essere apparso nelle notizie come il fallimento di un lancio di un razzo russo contenente 19 satelliti.



http://www.telegraph.co.uk/news/2017/11/28/international-spacecrafts-lost-sea-russian-rocket-fails-make/

Inoltre, il 2 dicembre, il generale degli Stati Uniti John Hyten,  (nella foto a dx) capo del comando strategico statunitense, ha dichiarato a un pubblico in California che diversi stati stavano prendendo di mira le capacità spaziali statunitensi e ha avvertito: "Non possiamo permettere che ciò accada".

http://www.n2yo.com/satellite-news/US-general-Russia-and-China-building-space-weapons-to-target-US-satellites/4626

Ci sono state anche segnalazioni in tutto il mondo di meteoriti e "spazzatura spaziale" che cadevano la scorsa settimana. Personalmente ho assistito alla caduta di un meteorite multicolore visibile ad occhio nudo a meno di un chilometro da casa nella parte occidentale di Tokyo. Potete vederlo in questo video sotto, link: https://www.youtube.com/watch?v=B-HnfNTUnHM



"La tempesta che è iniziata il 4 novembre con l'epurazione saudita è divenuta cinetica", dicono le fonti del Pentagono, parole che appaiono apparentemente letterali.

Anche l'epurazione al livello della base negli Stati Uniti sta diventando sempre più visibile. "L'operazione Mockingbird è stata disattivata dal momento che gli asset dei media della CIA come Matt Lauer sono stati licenziati dalla NBC", a seguito del raid del 18 novembre sul quartier generale della CIA da parte dei marines. Un altro segno dell'operazione Mockingbird e arrivata quando ABC News ha sospeso Brian Ross in quello che Trump descrive come il suo "rapporto orrendamente inesatto e disonesto sulla Russia, Russia, e di Caccia alle streghe sulla Russia ". L'epurazione dei media corporate è appena iniziata, promettono le fonti.

I mafiosi khazariani sono aggrappati alla speranza che l'accusa della scorsa settimana dell'ex capo della (DIA) Defense Intelligence Agency, Michael Flynn, e del procuratore speciale Robert Mueller, porterà all'impeachment di Trump. Tuttavia, le fonti del Pentagono promettono che "l'atto d'accusa Flynn non è 'niente altro che un hamburger' che permette di esporre a Mueller tutti i crimini di Obama, Hillary, FBI, pedofili e dello Stato Profondo e da una mano a Trump a prosciugare la palude."

Obama, da parte sua ha chiesto , la scorsa settimana al presidente cinese Xi Jinping, asilo politico ma è stato respinto, dicono fonti asiatiche della società segreta. In pubblico, questo potrebbe essere visto come se Obama si prendesse gioco della Cina visitando il Dalai Lama subito dopo aver lasciato la Cina. Il Dalai Lama, tuttavia, è probabilmente destinato pure lui ad essere epurato e non è in grado di aiutare Obama.

Inoltre, parlando di "pedofili", la scorsa settimana la star di Hollywood, il regista e attore Mel Gibson ha definito le élite hollywoodiane "Intrise del sangue dei bambini. Mangiano la loro carne. Credono che questo dia loro forza vitale. Se il bambino soffriva nel corpo e nella psiche prima di morire, credono che questo dia loro una forza vitale extra. " Gibson dice inoltre : " Questa non è una specie di astrazione artistica ... Sono stato personalmente introdotto alla pratica nei primi anni 2000. Posso parlarne solo ora perché queste persone, questi dirigenti, sono morti . "


http://yournewswire.com/mel-gibson-parasites-blood-kids/

Io personalmente posso confermare di aver incontrato personalmente due mafiosi khazariani che hanno ammesso di mangiare feti umani. Queste sono le persone che vengono attivamente ricercate dai cappelli bianchi.

Una epurazione è iniziata anche in Giappone, ora che l'Imperatore Naruhito ha preso il posto del padre, l'imperatore Akihito, secondo le fonti dell'intelligence militare giapponese. Sebbene Akihito non  abdichi ufficialmente fino all'aprile 2019, Naruhito è già l'imperatore di fatto , spiegano. Finora solo poche dozzine di persone sono state epurate, ma molte di più lo saranno dal 7 dicembre, l'anniversario di Pearl Harbor, dicono. In particolare, "Mr. K, "che vive in un albergo sorvegliato da 70 guardie del corpo, verrà eliminato, aggiungono.

L'intelligence giapponese auspica che i cappelli bianchi militari USA siano consapevoli del fatto che molti membri della comunità militare e dell'intelligence americana in Giappone sono stati corrotti da anni con "Kagurazaka Geisha e denaro". Dicono che persino l'ex ambasciatore statunitense Caroline Kennedy era regolarmente e generosamente intrattenuta nei "Club ospitanti". Molti soldi giapponesi sono stati saccheggiati alla morte dell'imperatore Hirohito e dati ai Rothschild, Bush, Clinton e altri mafiosi khazariani di alto livello, dai coreani che fingono di essere giapponesi come l'ex primo ministro Yasuhiro Nakasone , dicono le fonti.

http://www.cbc.ca/news/politics/china-free-trade-trudeau-1.4427081

Nel frattempo, mentre gli Stati Uniti e il Giappone continuano a far pulizia in casa, cresce la tensione finanziaria internazionale tra Stati Uniti e Cina. Un segnale di ciò è stata la rottura del dialogo economico USA-Cina della scorsa settimana. È importante notare in questo contesto che i tagli fiscali annunciati da Trump la scorsa settimana possono essere implementati solo se gli Stati Uniti dichiarano bancarotta e emettono una nuova valuta, perché altrimenti richiederebbero un nuovo massiccio prestito dalla Cina. La Cina non ha voglia di versare più denaro nel buco nero del governo delle corporate americano, dicono fonti asiatiche della società segreta.

http://www.zerohedge.com/news/2017-11-30/us-china-economic-dialogue-has-stalled-no-plans-revive-talks-malpass

I cinesi sperano di mandare in bancarotta il governo delle multinazionali statunitensi e fare in modo che il Canada prenda il sopravvento e crei gli Stati Uniti del Nord America per sostituire il regime canaglia che è il governo corporate americano, dicono le fonti. Questa settimana il primo ministro canadese Justin Trudeau si trova in Cina e, come riporta la Canadian Broadcasting Corporation, "il fatto che il presidente americano Donald Trump sia di nuovo antipatico per la Cina aiuta a far posizionare il Canada come  partner più attraente nel Nord America".

http://www.cbc.ca/news/politics/china-free-trade-trudeau-1.4427081

Il segno che la Cina e i suoi alleati BRICS si stanno preparando a un default USA, la scorsa settimana i paesi dei BRICS hanno annunciato ufficialmente l'intenzione di avviare una propria rete di trading sull'oro.

http://www.zerohedge.com/news/2017-12-02/russia-china-india-unveil-new-gold-trading-network

Il Venezuela ha anche annunciato la scorsa settimana che stava creando una criptovaluta sostenuta da oro, petrolio e diamanti per sostituire il dollaro USA.

Inoltre, il segno di preoccupazione  per il sequestro di denaro da parte degli americani, lo ha espresso  il Ministero delle Finanze della Russia la scorsa settimana , avvertendo che se gli Stati Uniti avessero sequestrato le riserve estere della Russia, "sarebbe l'equivalente di una dichiarazione di guerra finanziaria".

https://www.rt.com/business/411148-us-sanctions-russian-reserves/

In modo minaccioso, una fonte della CIA in Asia che ha connessioni Rothschild, ha fatto il seguente commento  quando gli è stato chiesto della guerra finanziaria: "Mi è stato detto da uno dei miei contatti che è" a conoscenza di questo tipo di argomenti " il master plan è quello di far collassare il sistema a livello globale nel 3 ° trimestre del 2018. "

Una nota finale, un lettore del Brasile mi ha inviato queste informazioni via e-mail: "A Porto Alegre in Brasile, stato meridionale del mio paese, c'è un grande edificio del consolato americano, molto più grande di quello di San Paolo, e posso dirti che non è una normale giustificazione in quanto Porto Alegre non ha alcun consolato americano così grande, a meno che non si tratti di un quartier generale della CIA. Un amico che vive lì ha detto che negli ultimi anni, dal momento che questo edificio è stato realizzato, sembra che ci siano solo poche persone che lavorano lì, meno di dieci, almeno a livello superficiale. " Forse questo è un altro DUMB ( Base militare sotterranea profonda) che deve essere eliminata.

Tuttavia, i nazisti con base nelle basi sotterranee sudamericane hanno mi hanno detto  precedentemente  che non avevano più intenzione di conquistare il mondo ma volevano essere lasciati in pace a giocare con i loro dischi volanti.
Forse dovrebbero solo annunciare di condividere questa e altre tecnologie con il resto del mondo.

http://sadefenza.blogspot.com/2017/12/lesercito-e-il-dipartimento-di.html


sabato 2 dicembre 2017

Un attacco a Impulsi Elettromagnetici (EMP) della Corea del Nord potrebbe far Morire milioni e trasformare l'America in una landa post-apocalittica

Michael Snyder
Sa Defenza 

La Corea del Nord ha dimostrato la capacità di poter lanciare un ICBM su una traiettoria sufficiente a raggiungere con una testata nucleare qualsiasi città degli Stati Uniti d'America. Ancora peggio, la Corea possiede una tecnologia di armi EMP che fatta detonare in altitudine - sopra l'atmosfera - può distruggere praticamente l'intera rete elettrica degli Stati Uniti in un istante.




Questo è il motivo per cui i test della Corea del Nord di un missile balistico intercontinentale è così importante. La Corea del Nord ha effettuato un totale di 22 test missilistici quest'anno, ma quest'ultimo ha dimostrato che nessuno nel mondo è fuori dalla loro portata. In effetti, il generale Mattis sta ora ammettendo che "la Corea del Nord può praticamente minacciare ovunque nel mondo", e questo include gli interi Stati Uniti continentali. Oltre a colpire le singole città con le armi nucleari, c'è anche la possibilità che un giorno la Corea del Nord possa tentare di abbattere l'intero paese con un attacco EMP. Se i nordcoreani facessero esplodere una singola testata nucleare a diverse centinaia di miglia al di sopra del centro del paese, distruggerebbe la rete elettrica e facendo friggere l'elettronica da costa a costa.

Vorrei che pensaste, per pochi secondi, a cosa potrebbe significare. All'improvviso non ci sarebbe alcuna energia elettrica in casa, al lavoro o a scuola. Poiché quasi tutti i nostri veicoli fanno affidamento su sistemi computerizzati, non saresti in grado di andare da nessuna parte e nessuno sarebbe in grado di raggiungerti. E non saresti in grado di contattare nessuno perché tutti i telefoni sarebbero morti. Fondamentalmente, praticamente tutto ciò che è elettronico sarebbe morto. Sto parlando di computer, televisori, dispositivi GPS, bancomat, sistemi di riscaldamento e raffreddamento, frigoriferi, lettori di carte di credito, pompe di benzina, registratori di cassa, apparecchiature ospedaliere, semafori, ecc.

Per i primi due giorni la vita continuerebbe normalmente, ma poi la gente  inizia a capire presto che  l'energia elettrica non torna e il panico comincia a prendere di soppravento.

Il missile balistico intercontinentale che la Corea del Nord ha appena lanciato ha percorso quasi 1.000 chilometri e ha raggiunto un'altitudine massima di 4.500 chilometri. Ci è stato detto per decenni che questo non sarebbe potuto mai accadere, ma ora è successo ...
Questo è preoccupante per una grande ragione: secondo il generale Mattis, l'ICBM nordcoreano "è andato più in alto, francamente, di qualsiasi precedente" e "la Corea del Nord può praticamente minacciare chiunque nel mondo." Lo conferma l'analista missilistico della Corea del Nord, Shea Cotton, che ha citato David Wright, autore di Allthings, e che ha dichiarato alla BBC che le prime stime del test ICBM indicano che la Corea del Nord può ora raggiungere New York e Washington DC.
Se avessimo lavorato duramente per sviluppare la nostra tecnologia anti-missile in tutti questi anni, questo non sarebbe stato un problema.

Ma a questo punto siamo molto indietro rispetto ai russi a questo proposito, e c'è una possibilità molto reale che un missile lanciato dai nordcoreani possa farcela attraverso le limitate difese antimissile che abbiamo.

C'erano,  discussioni su una minaccia EMP della Corea del Nord erano per lo più ipotetiche, ma ora sono completamente cambiate. La Corea del Nord ha chiaramente dimostrato di essere in grado di poter sferrare un attacco del genere e lo scorso settembre Kim Jong Un ha ammesso pubblicamente che la Corea del Nord intendeva sviluppare questa capacità ...
Ma la maggior parte dei giornalisti ha disatteso la minaccia  che appariva in fondo alla dichiarazione pubblica di Kim, quando si vantava che la Corea del Nord aveva sfruttato "una bomba termonucleare multifunzionale con un grande potere distruttivo che può essere fatta detonare ad alta quota come EMP superpotente (a impulso elettromagnetico) di attacco secondo gli obiettivi strategici.
Quindi ora lo sappiamo. Il lancio di un impulso elettromagnetico contro i suoi nemici è uno degli obiettivi strategici della Corea del Nord. E per la Corea del Nord, gli Stati Uniti sono il principale nemico.
E come ho detto prima, basterebbe una singola detonazione nucleare ben piazzata frigge l'elettronica da costa a costa. Quanto segue è del Daily Mail ...
Teoricamente, una bomba sufficientemente potente fatta detonare a un'altitudine di 249 miglia spazzerebbe via tutta l'elettronica negli Stati Uniti , tranne la parte più a sud della Florida e gli stati più orientali, oltre a colpire il Canada e il Messico.
Senza energia elettrica, nulla verrebbe distribuito. Ciò significa che molto rapidamente mancheranno cibo, acqua e medicine nella tua comunità. Un articolo pubblicato da Fox News questa settimana ha usato il termine "post-apocalittico" per descrivere ciò che avremmo affrontato ...
Tutto inizia a sembrare molto post-apocalittico quando ti rendi conto che questo significa  la mancanza di luci o altri dispositivi elettrici nelle case e nelle aziende, nessuna filtrazione dell'acqua, nessun centro alimentare regionale, nessuna rete di trasporti - nessuna delle cose che diamo per scontate nella moderna civiltà.
Come ho detto prima, le cose sarebbero relativamente tranquille per alcuni giorni, ma quando tutti si accorgeranno che la corrente elettrica non tornerà, ci sarà il caos su una scala diversa da qualsiasi cosa abbiamo mai visto prima. Quanto segue tratto da un articolo di Mac Slavo ...
Le prime 24-48 ore dopo tale evento porteranno la confusione generale tra la popolazione, poiché le fonti tradizionali di acquisizione di notizie come la televisione, la radio e le reti dei telefoni cellulari non saranno funzionanti. 
Nel giro di pochi giorni, una volta che le persone si renderanno conto che l'elettricità potrebbe non tornare e gli scaffali dei supermercati inizieranno a svuotarsi, l'intero sistema comincerà a collasare nel caos. 
Entro 30 giorni inizia il collasso della massa, mentre le scorte alimentari, saccheggiate dalle  bande si trasformano in violenti estremisti, le medicine non possono essere rifornite e le stazioni di pompaggio dell'acqua si fermano.
Quindi di quale " morte di massa " stiamo parlando?

Ebbene, alcuni dei massimi esperti del settore credono "fino al 90 percento di tutti gli americani" potrebbe finire morto se ci fosse l'interruzione di corrente di una durata molto lunga ...
William Graham, presidente dell'ex commissione EMP e il suo ex capo dello staff, Peter Vincent Pry, ha avvertito nell'audizione che un simile attacco potrebbe "chiudere la rete elettrica degli Stati Uniti per un periodo indefinito, portando alla morte entro un anno il 90 percento di tutti gli americani. “
Altri credono che la cifra sarebbe inferiore, ma praticamente tutti sono d'accordo sul fatto che il bilancio delle vittime sarebbe di milioni.

Questa è una delle nostre più grandi vulnerabilità strategiche, la nostra rete elettrica potrebbe essere protetta da un attacco EMP con pochi miliardi di dollari. Questo è qualcosa che spingo molto , ma al momento non è una priorità dei nostri leader a Washington.

In realtà, hanno effettivamente ottenuto finanziamenti dalla commissione che stava esaminando la minaccia EMP ...
Il 30 settembre, la Commissione del Congresso per valutare la minaccia di impulso elettromagnetico negli Stati Uniti d'America ma ha chiuso i battenti dopo il fallimento nel garantire i finanziamenti al Congresso.
A volte trovo difficile trovare le parole per descrivere quanto incredibilmente stupido sia il Congresso.

Un attacco EMP è una minaccia più grande che mai, eppure il Congresso non ha voluto  nemmeno inventarsi i fondi per la commissione che stava lavorando a un piano per proteggerci.

Questo è ancora un altro esempio che dimostra che abbiamo bisogno di una nuova leadership a Capitol Hill, perché in questo momento le persone che ci "rappresentano" a Washington sembrano essere completame all'oscuro di qualsiasi cosa , se non tutto.

venerdì 1 dicembre 2017

IL PORTAVOCE MILITARE ISRAELIANO ELOGIA LA "GUERRA PSICOLOGICA" CONTRO HEZBOLLAH

southfront.org
Sa Defenza 



Il primo ministro Benjamin Netanyahu con il capo dell'IDF, il generale Benny Gantz (in piedi direttamente dietro di lui) e l'allora ministro della difesa Moshe Ya'alon (seduto a destra), monitorando le operazioni a terra dell'IDF a Gaza durante un incontro presso il quartier generale militare Kirya a Tel Aviv il 18 luglio 2014. (Haim Zach / GPO / Flash90)

Il portavoce militare israeliano Ronen Manelis ha detto che Israele sta conducendo una "guerra psicologica" contro Hezbollah e sta preparando le operazioni convenzionali contro il gruppo sostenuto dall'Iran.

Manelis ha detto che queste operazioni includevano il targeting del leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah. "Non ci sarà una chiara immagine della vittoria nella prossima guerra, anche se è chiaro che Nasrallah è un bersaglio", ha spiegato .

Manelis ha detto che la guerra di propaganda si sta spostando dai media tradizionali a quelli online: "Una delle cose di cui parliamo è la transizione dal consumo dei media tradizionali ai social media. Siamo anche attivi in ​​questo teatro, ed è un teatro operativo sotto ogni aspetto. Proprio nelle ultime settimane abbiamo preso molte azioni che hanno causato costernazione dall'altra parte ".

Secondo il Guardian , il governo israeliano è stato impegnato nel reclutamento di quelle che ha definito "unità di copertura" dal 2013. Queste unità consistono in una miscela di studenti internazionali e studenti impiegati da Israele in una capacità di "trolling professionale" per sconfiggere una vasta gamma di nemici dal movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) ai governi stranieri.

Durante la guerra di Gaza del 2014, il gruppo studentesco "Israele sotto il fuoco" è emerso come una voce chiave sui social media per promuovere la narrativa israeliana del conflitto. "I social media sono un altro posto dove la guerra va avanti. Questo è un altro modo per raccontare la nostra storia ", ha detto il leader del gruppo, Yarden Ben-Yosef.

Hezbollah ha anche una notevole presenza mediatica, con un settimanale al-Ahad, due stazioni radio e una stazione televisiva, al-Manar, creata alla fine degli anni '80. Più recentemente Hezbollah ha rafforzato la sua presenza sui media, gestendo più di 50 siti web tra cui il sito web del suo leader Hassan Nasrallah. Sul sito web del leader di Hezbollah sono disponibili gli archivi dei suoi discorsi e dichiarazioni.

Le tensioni sono aumentate tra Israele e Hezbollah con i suoi sostenitori in Iran nelle ultime settimane. In una recente dichiarazione il Corpo di Guardia Rivoluzionaria Islamica (IRGC) dell'Iran ha attaccato Israele, dicendo che Israele sarebbe stato "sradicato" nella prossima guerra con Hezbollah. Il principe ereditario dell'Arabia Saudita, Mohammed Bin Salman, ha detto  che l'ayatollah iraniano Ali Khameni, il leader supremo dell'Iran, era il "nuovo Hitler del Medio Oriente". Ha poi continuato a confrontare la lotta settaria di potere nella regione tra Riyadh e Teheran con l'Europa della seconda guerra mondiale.

http://sadefenza.blogspot.com/2017/12/il-portavoce-militare-israeliano-elogia.html


giovedì 30 novembre 2017

LICENZIATO Matt Lauer,  la Corea del Nord  ha capacità NUCLEARE ovunque negli USA, Elizabeth Warren esposta come bugiarda

Mike Adams
naturalnews.com

Sa Defenza 








Ci sono così tante notizie folli che si infrangono ogni giorno in ogni momento che è quasi impossibile reggere il confronto. Oggi ci sono tre storie monumentali che dovete sapere. Come al solito, i media legali non ti raccontano la storia completa di ogni caso.

Matt Lauer è stato LICENZIATO dalla NBC News perché accusato di aggressioni sessuali

Il gigante della NBC News, Matt Lauer, un grande critico di Trump, è stato licenziato dopo essere stato accusato di essere un "mostro" per aggressione sessuale al personale femminile. Hanno anche riferito di aver molestato sessualmente una dipendente mentre era alle Olimpiadi nel 2014 .

Yashar Ali " afferma che più donne si sono fatte avanti privatamente su Lauer, ma sono state" terrorizzate " dal farlo pubblicamente a causa del potere che aveva Lauer nei media", riferisce il Daily Caller :
"Matt Lauer ha messo la paura di un dio in queste donne", ha scritto Ali. "Ha avuto relazioni con giornaliste fuori dalla NBC che coltivava solo a questo scopo. Lo sapevano. "
Come previsto - perché c'è sempre un doppio metro di misura per  le sinistre che usano abitualmente verso la loro stessa gente per molestie sessuali e persino per stupro (Bill Clinton ?) -  e i redattori dei media del retaggio di Matt Lauer mentre emergevano queste accuse.

La co-conduttrice della NBC Savannah Guthrie, ad esempio, in realtà ha reagito con le lacrime mentre spiegava d'essere "affranta" per il suo "amico" è "amato" dalla gente della NBC. Anche quando queste persone sono esposte come predatori sessuali e abusano delle donne, sono ancora adorati dalla sinistra. (E perché il Sen. Al Franken non si dimette, ci deve pensare?)

Con il suo licenziamento, Matt Lauer ora si unisce a Charlie Rose , Harvey Weinstein, Kevin Spacey e una lista in rapida espansione di altri giganti dei media una volta grandiosi, la cui reputazione è stata decimata dalla verità che ha rivelato il maltrattamento delle donne. L'elenco degli uomini dei media di sinistra che sono stati accusati di molestie sessuali comprende ora Glenn Thrush (NYT), Mark Halperin (NBC News), Charlie Rose (PBS), David Corn (MSNBC)  e molti altri .

I missili nucleari della Corea del Nord possono raggiungere qualsiasi città degli Stati Uniti
La Corea del Nord ha appena testato un ICBM che ha raggiunto un'altitudine e velocità sufficienti a consentirgli di raggiungere qualsiasi città degli Stati Uniti. Questo è un progresso scioccante che ci è stato detto che non sarebbe stato possibile per almeno un altro decennio. Eppure la Corea del Nord rappresenta ora una minaccia per ogni città degli Stati Uniti, tra cui Washington DC e New York City.
"Almeno un esperto ha detto che la sua traiettoria suggeriva una portata effettiva di 13.000 chilometri che avrebbe messo tutte le città degli Stati Uniti a portata di mano", riferisce il Breitbart News . "È stato il terzo test ICBM di successo del Nord,  ha dichiarato, David Wright,  co-direttore presso l'Union of Concerned Scientists, e afferma che i parametri di volo hanno indicato un intervallo" significativamente più lungo "rispetto ai precedenti lanci."
La Corea del Nord, naturalmente, ha già promesso di distruggere gli Stati Uniti d'America con attacchi nucleari contro più città. Ora, a quanto pare, hanno raggiunto la capacità di poterlo fare. 
La Corea del Nord sostiene anche di possedere capacità con armi EMP , il che significa che potrebbe lanciare un solo missile in orbita bassa sul Nord America e abbattere la maggior parte della rete elettrica, facendo tornare indietro gli Stati Uniti nel XVIII secolo,  che comporterebbe fino al 90% della mortalità della popolazione a causa del caos, della fame e malattia, secondo certa analisi .

Se questa notizia non ti costringe a raddoppiare la tua attività di preparazione a un tale evento,  non stai vivendo nel mondo reale. Un attacco EMP della Corea del Nord potrebbe arrivare in qualsiasi momento, e non c'è assolutamente nulla che il Pentagono possa fare per fermarlo una volta che il missile lascia la piattaforma di lancio.

Elizabeth Warren ha mentito dicendo di essere nativa americana
Mentre l'insieme del retaggio mediatico sta impazzendo nell'accusare il presidente Trump per aver osato riferirsi a Elizabeth Warren come "Pocahontas", la verità che non riportano è che Elizabeth Warren ha mentito sull'essere nativa americana per ottenere privilegi speciali ad Harvard. In altre parole, ha sfruttato i nativi americani con  l'inganno per il proprio vantaggio politico.

In secondo luogo, anche se tutti i media affermano che Trump è "razzista" nel chiamarla "Pocahontas", in realtà non c'è alcuna ragione per invocare razzismo. Warren è caucasica, non è nativa americana, quindi l'accusa di "razzismo" non ha alcun valore quando si confronta con qualcuno che non è di quella razza. Come al solito, i media della sinistra impazzano e invocano il "razzismo" come un mantra per emettere una condanna senza alcuna logica, senza capo ne coda. Stanno aiutando letteralmente una donna bianca che gioca la carta del razzismo in modo del tutto disonesto.
"Vari membri dei media e Warren stessa hanno finto di offendersi con il" piangisteo razziale ", ma il vero reato è che la Warren finge di avere antenati  nativi americani per fare carriera nella società e nella politica", ci rammenta il Daily Caller .
ti ricordiamo di tenere presente il nostro sito per ulteriori notizie nello svolgersi degli eventi. Ho appena completato un video di studio sugli avanzamenti tecnologici degli ICBM della Corea del Nord che verranno rilasciati tra 24 ore.


Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!